Intossicazione da nicotina acuta

отравление никотином La storia della dipendenza, dalla quale anche nel XXI secolo, la gente continua a soffrire, è iniziata molto tempo fa, da tempo immemorabile, quando gli indiani masticavano le foglie fresche di una pianta che in seguito divenne nota al mondo intero sotto il nome di "tabacco". In Europa, divenne noto dal sedicesimo secolo, quando un diplomatico francese, Jean Nico, importò tabacco dalla Spagna in Francia e raccomandò di usarlo come aiuto per l'emicrania.

A quei tempi il tabacco veniva usato in una forma non purificata, estraendone oli contenenti specifici alcaloidi. Tabacco da masticare, tabacco da masticare, varie miscele destinate al fumo - c'erano molti modi per usarlo in quel momento. Il potere di abituarsi a questa sostanza rendeva ricchi i commercianti di tabacco. E come ogni fenomeno che porta soldi, il tabacco è diventato oggetto di una stretta ricerca e studio. All'inizio del XIX secolo, i ricercatori tedeschi ottennero una sostanza pura, l'alcaloide del tabacco, che chiamarono "nicotina" in onore di Jean Nico.

Come si è scoperto, la nicotina ha avuto un forte effetto su tutti i sistemi del corpo, ma questo effetto era tutt'altro che il più favorevole.

L'effetto della nicotina sul corpo

La nicotina è un alcaloide che fa parte delle parti verdi delle piante appartenenti al gruppo della belladonna. Tale veleno vegetale si trova non solo nel tabacco, ma anche in peperone, pomodori, melanzane, patate (in piccole quantità).

никотин In piccole quantità, la nicotina, entrando nel corpo umano, ha un effetto stimolante (stimolante) su determinati sistemi corporei. Ma con dosi significative, si verifica l'intossicazione da nicotina, che è accompagnata da disturbi funzionali del sistema cardiovascolare, nervoso, così come il sangue e il sistema respiratorio.

Ora per le persone che sono diventate ostaggi della dipendenza da nicotina, le sigarette sono una fonte di nicotina.

Ma oltre alla nicotina, le sigarette contengono altre sostanze. Come:

  • pirene;
  • antracene;
  • nitrobenzene;
  • nitrometano;
  • acido cianidrico;
  • acido stearico;
  • butano;
  • курение metanolo;
  • acido acetico;
  • esammina;
  • arsenico;
  • cadmio;
  • ammoniaca.

Il fumo di sigaretta provoca l'avvelenamento da nicotina, che può verificarsi con un uso occasionale o regolare.

Attualmente, nella pratica medica, l'intossicazione da nicotina acuta e cronica è isolata.

L'avvelenamento acuto da nicotina si verifica più spesso nei non fumatori, i cui corpi non sono abituati a combattere il veleno che scorre costantemente. Di norma, i fumatori alle prime armi tali sintomi scompaiono nelle prime ore dopo l'avvelenamento. Tuttavia, letargia, ridotta attenzione e mal di testa possono accompagnare anche fino a due giorni.

L'avvelenamento cronico è più comune nei forti fumatori, che fumano più sigarette al giorno. La dose alla quale si verifica l'avvelenamento può essere individuale per tutti. Una dose mortale è considerata di circa 40-80 milligrammi di nicotina assunta una volta.

Sintomi di avvelenamento da nicotina

I primi segni di avvelenamento da nicotina acuta sono:

  • головокружение vertigini;
  • nausea;
  • vomito;
  • estremità fredde;
  • aumento della sudorazione;
  • pallore della pelle;
  • respiro superficiale e irregolare;
  • convulsioni;
  • tremore delle membra;
  • diarrea.

I sintomi di avvelenamento cronico da nicotina sono:

  • congiuntiviti;
  • disturbi cardiovascolari (aritmia, bradicardia, crisi ipertensiva, spasmo di grandi vasi);
  • disturbi del tratto digestivo (ipersecrezione di succo gastrico, aumento della salivazione, dolore nella regione epigastrica);
  • sintomi neurologici (alterazione del linguaggio, annebbiamento della coscienza, tremori alle mani, perdita di coscienza, stati di nevrosi);
  • disturbi trofici (perdita di peso).

I sintomi di avvelenamento da nicotina acuta si verificano più spesso con un cambiamento nelle fasi di inibizione ed eccitazione del sistema nervoso.

Al verificarsi dei primi segni di avvelenamento da nicotina, la vittima dovrebbe ricevere il primo soccorso.

Primo soccorso per l'avvelenamento da nicotina

priznaki ostrogo otravlenija nikotinom Il primo soccorso in caso di avvelenamento da nicotina può essere fornito da chiunque nelle vicinanze. Per questo è necessario:

  • se possibile, porta la vittima in strada o apri una finestra;
  • se una persona è incosciente, porta al naso il cotone immerso con ammoniaca e alcool;
  • lavare lo stomaco con acqua bollita o una soluzione salina debole;
  • dare enterosorbenti (carbone attivo, Smekta, Polyphepan);
  • fornire abbondante bevanda alcalina (acqua non gassata, tè nero dolce, latte, brodo di rosa canina);
  • fornire alla vittima riposo riposando in un letto caldo di lato (per evitare l'aspirazione di vomito).

In caso di una condizione di pericolo per la vita del paziente, è necessario chiamare immediatamente una squadra di ambulanze, indicando i sintomi dell'avvelenamento da nicotina. Quando si perde conoscenza, il paziente deve essere appoggiato su un lato, mentre si piega un ginocchio (per una posizione stabile della vittima), fornire aria fresca, portare l'ammoniaca liquida al naso.

In caso di violazione dell'attività cardiaca, eseguire immediatamente un massaggio indiretto del cuore, eseguendo contemporaneamente la respirazione artificiale con il metodo "bocca a bocca".

учащение пульса Va inoltre ricordato che il fumo regolare a lungo termine porta allo sviluppo di malattie croniche. I sistemi nervoso e cardiovascolare sono principalmente colpiti a causa della costante ipossia (insufficiente apporto di ossigeno). Di conseguenza, nevrosi, allucinazioni, frequenti cambiamenti dell'umore, possibile ictus, frequente aumento della pressione sanguigna (fino al processo cronico), aumento della frequenza cardiaca, battito cardiaco, infarto miocardico, danno alle pareti vascolari. Oltre a tutto ciò, nei forti fumatori nella maggior parte dei casi si sviluppano malattie dell'apparato respiratorio. La patologia più comune tra di loro è la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). A cui c'è una restrizione irreversibile del flusso d'aria nel tratto respiratorio inferiore. Nel caso di una tale patologia, il paziente non può più "respirare profondamente". Al mattino, soffre di una tosse parossistica e il respiro affannoso non se ne va nemmeno in uno stato calmo.

Ricorda, iniziando a fumare, ti metti a rischio di avvelenamento da nicotina. Anche se fino ad oggi questo problema ti ha superato, vale la pena pensare a quanto veleno entra nel tuo corpo e se vale la pena rischiare la salute per un piacere così dubbio.

caricamento in corso ...