Acido prussico nei box

косточки абрикоса A molte persone piace dividere le ossa delle albicocche, e ci sono chicchi che sono piacevoli al gusto. Tuttavia, non tutti sanno che pericolo c'è in loro, perché contiene acido cianidrico.

Quali sono le proprietà dell'acido prussico? Che male può causare il corpo? Come evitarlo? Riveleremo le risposte a queste e ad altre domande di seguito. E ora su tutto in ordine.

Cos'è l'acido cianidrico

L'acido prussico e i suoi composti (cianuri) sono un insetticida naturale, cioè una sostanza che protegge le piante dai parassiti. Sono ricchi di piante. Si trovano nei frutti e persino nelle foglie di molte specie di piante. L'acido cianidrico stesso è esternamente un liquido incolore con l'odore di mandorla amara, che può essere sentito con una piccola concentrazione di esso. Ha una elevata volatilità e bassa densità, è una sostanza altamente tossica.

косточки в вишне L'acido prussico nelle fosse è un composto naturale. È nella composizione dei glicosidi, che sono a bassa tossicità, pur mantenendo l'integrità e la secchezza dei semi. Non appena queste condizioni vengono violate, si verificano reazioni chimiche che portano al rilascio di acido cianidrico, cioè acido cianidrico.

Sotto l'influenza dell'umidità, l'acido prussico si forma nella fossa di ciliegie, prugne, albicocche, pesche, cenere di montagna, ciliegie dolci, mele, sambuco nero, gherigli di mandorle amare. Tutte queste piante appartengono alla famiglia delle Rosacee. È quest'ultimo che è caratterizzato dalla presenza di glicosidi capaci di rilasciare acido cianidrico.

Separatamente, si deve dire dell'uva. Appartiene alla famiglia delle uve, ma non tendono a rilasciare acido cianidrico nelle fosse. Pertanto, le uve sotto forma di bacche intere vengono utilizzate per produrre vino, cosa che non può essere fatta con i frutti "pericolosi" elencati.

Il contenuto di acido cianidrico nelle piante

In quali quantità nelle fosse contiene acido prussico?

La proporzione di amigdalina, da cui la sostanza tossica viene rilasciata nei semi purificati, è:

  • миндаль mandorle amare - 2,5-3%;
  • albicocca - 1-1,8%;
  • pesca - 2-3%;
  • prugna - 0,96%;
  • ciliegia - 0,82%;
  • dolce ciliegia - 0,8%;
  • melo - 0,6%.

Di conseguenza, l'acido cianidrico è meno contenuto nelle fosse di un melo, quindi il rischio di avvelenamento da questi frutti è 4-5 volte inferiore a quello delle mandorle amare.

Dosi mortali e tossiche

È noto un fatto interessante: la suscettibilità all'acido cianidrico è maggiore negli esseri umani e negli animali a sangue caldo. Mentre gli animali a sangue freddo sono meno sensibili ai suoi effetti - la presenza nel cibo di una piccola quantità di composti di cianuro viene neutralizzata naturalmente senza sviluppare avvelenamento.

смертельная доза синильной кислоты Si ritiene che ciò avvenga a causa di reazioni chimiche con sostanze contenenti zolfo. Se ingerito dalle stesse fosse dell'acido prussico, l'acido cianidrico è più concentrato di quanto i meccanismi protettivi di neutralizzazione possano neutralizzarsi, compaiono segni di avvelenamento.

Secondo varie fonti, una dose letale o potenzialmente velenosa di veleno può essere ottenuta mangiando 40 grammi di mandorla amara, o 100 chicchi di noccioli di albicocca, o 50-60 grammi di chicchi contenenti amigdalina. In termini di acido prussico puro, contenuto nei semi di mele e altri frutti, la dose letale più bassa è inferiore a 1 mg / kg.

È anche importante ricordare che la cottura del vino sulla frutta con le pietre crea un alto rischio di avvelenamento. Ma la marmellata e le composte - no. Se in quest'ultimo c'è una quantità sufficiente di zucchero, che è l'antidoto dell'acido cianidrico, non ci sarà avvelenamento.

L'intossicazione del corpo da acido cianidrico si sviluppa quando la sua concentrazione nel sangue raggiunge 0,24-0,97 mg / l.

L'effetto negativo dell'acido prussico sul corpo

C'è una depressione della respirazione dei tessuti, che è causata nel corpo da acido cianidrico, che si forma nelle fosse di albicocca. Questo processo si verifica in tutti i tessuti e porta a un deficit energetico, che è dannoso soprattutto all'attività del sistema nervoso centrale e, in particolare, al cervello.

нервная система Il sistema nervoso è più sensibile alla mancanza di "nutrizione", di conseguenza, la struttura delle cellule nervose cambia irreversibilmente. È stato osservato lo sviluppo di fame di cellule nervose con normale contenuto di ossigeno nel sangue, che è un componente importante della respirazione del tessuto e svolge un ruolo importante nella fornitura di molecole di energia. La tossina impedisce l'inclusione di ossigeno nella reazione della loro formazione, che porta al suo accumulo nel sangue. Questo meccanismo è associato ad un aspetto speciale, morto per avvelenamento: il colore scarlatto della pelle e delle mucose è conservato, il che indica l'assenza di carenza di ossigeno.

L'azione del veleno porta alla stimolazione del rilascio di cellule del sangue dalla milza, che è una conseguenza della fame di energia del cervello. Secondo i risultati della ricerca, tale reazione si verifica a causa dell'effetto riflesso diretto sulla milza. In altre parole, il corpo pensa che il deficit energetico sia causato da una mancanza di ossigeno e, stimolando il rilascio dei suoi portatori, sta cercando di risolvere il problema e ripristinare l'omeostasi.

Allo stesso tempo, altri organi vitali sono ancora in grado di svolgere le loro funzioni. In quelli uccisi dall'acido prussico prodotto nelle fosse di frutta, per esempio le prugne, ci sono meno cambiamenti nel cuore, nel fegato e nei reni, in contrasto con il sistema nervoso centrale. Con l'effetto a lungo termine del veleno nel cuore nel tempo, la carenza di ossigeno appare anche a causa dell'inibizione dei sistemi enzimatici. Cambiamenti simili si verificano in altri organi.

I tessuti perdono la loro capacità di consumare ossigeno. L'accumulo di quest'ultimo nel sangue porta ad una diminuzione della differenza artero-venosa, e quindi alla sua scomparsa. Allo stesso tempo, il sangue venoso durante l'avvelenamento grave sembrerà arterioso.

HCN — синильная кислота L'acido cianidrico si riferisce agli acidi deboli e, allo stesso tempo, è una sostanza reattogenica. Nel corpo ci sono un sacco di composti con cui può reagire. Ma poiché il processo di interazione è lento e le alterazioni patologiche dovute all'intossicazione si sviluppano più velocemente, così la sostanza tossica non ha il tempo di reagire. Il veleno influenza attivamente il contenuto di ioni di idrogeno e porta ad uno spostamento del pH del terreno dal lato acido e, di conseguenza, si sviluppa un'acidosi non respiratoria (metabolica).

Ora è chiaro cosa c'è di così pericoloso nell'acido cianidrico e quali processi patologici si verificano durante l'avvelenamento.

Quali conclusioni si possono trarre? Non dovresti mangiare i chicchi di frutta della famiglia delle Rosacee. Marmellata, composte, vino dovrebbero essere preparati dal frutto senza pietre. O non risparmiare loro zucchero. L'eccezione è il vino: oltre all'uva, tutte le altre bacche devono essere prese senza semi. Il rispetto di semplici regole contribuirà a preservare la salute di se stessi e delle loro famiglie.

caricamento in corso ...